In offerta! Teorie

Teorie e tecniche di INdipendenza

14,00 11,90

Collana: Extra

Autore: AA. VV.

Pagine: 208

Isbn: 978-88-89122-93-8

 

Categoria: Tag:

Descrizione prodotto

Vale la pena di pubblicare una raccolta di racconti? Adesso? In Italia? A una domanda del genere è difficile dare una risposta che sappia essere definitiva. Le sfumature sono molte, i “se” e i “ma” si sprecano. Verrebbe da dire, in tutta onestà: dipende. Dipende dalla raccolta. Il curatore, Gianluigi Bodi, responsabile del sito Senz’audio, ritiene che il romanzo non sarà mai in crisi, i racconti non saranno mai in crisi, più in generale non ci sarà mai crisi per la buona letteratura fino a che l’editoria indipendente riuscirà a sopravvivere. Quindi la domande corretta è un’altra. Riuscirà l’editoria indipendente italiana a superare indenne tutti gli sconvolgimenti editoriali di cui siamo testimoni? Ancora una volta: dipende. Se, nel mezzo di questi mutamenti di rotta, le piccole case editrici continueranno ad investire su scrittori brillanti, voci nuove, narrazioni dal tratto originale e personale allora non avremo nulla da temere per il futuro. Se la qualità, la ricerca e la passione avranno sempre posti privilegiati rispetto alla quantità o alle furbe scelte che fanno l’occhiolino al commerciale allora potremo continuare a stare tranquilli.

Questa raccolta di racconti originali è un ritratto accurato di quanto di buono viene prodotto a livello letterario, in Italia, ai giorni nostri grazie allo sforzo degli editori indipendenti. E’ solo un piccolo spaccato, ma è sufficiente a dimostrare che gli scrittori in gamba ci sono, basta saperli scovare.

Mari Accardi

Gianni Agostinelli

Gianluigi Bodi

Alessandro Cinquegrani

Eva Clesis

Paolo Colagrande

Francesco Franceschini

Ilaria Gaspari

Ginevra Lamberti

Andrea Malabaila

Nicola Manuppelli

Giovanni Marchese

Claudio Marinaccio

Lucia Moschella

Mari Accardi

Angelo Orlando Meloni

Alan Poloni

Ambra Porcedda

Ivano Porpora

Davide Predosin

Massimo Roscia

Alessandro Sesto

Carlo Sperduti

Paolo Zardi